La ruggine (A&B Editrice – 2012)

Bellucci Ruggine copia

Questa storia racconta di un paese tutto bianco su una costa che riflette il mare. Quel paese si chiama Sirolo. Davanti a Sirolo c’era un’isola che adesso non c’è più. Per arrivare là, si incontrava un ponte di barche su cui Nicola raccoglieva le sabbie del mondo. Anche quel ponte adesso non c’è più.

Questa storia è il sogno di Filippo che voleva salvare l’isola, a costo di spostarla da un’altra parte, a costo di spingere la riva più indietro. È anche la storia di Nicola, che faceva il custode del ponte e custodiva il colore della terra. È soprattutto la storia di Teresa, di quando ha imparato a leggere sul nome dei morti per scegliere la strada che non porta a casa.

Ambientata all’inizio del secondo conflitto mondiale, La ruggine è un racconto di passioni silenziose in cui si mescolano tensione emotiva, malinconia e sensualità, rappresentando in modo toccante l’amore che viene soffocato. Con quest’opera Bellucci confeziona una miniatura di grande effetto, capace d’incantare il lettore fino all’imprevedibile epilogo, e si conferma tra le voci più originali e promettenti della nuova narrativa italiana.

Estense_com_foto_1 copy